Niccolò Ammaniti / Anna

Editore: Einaudi

Anno Edizione: 2015

Pagine: 274

Prezzo: 11,05 €

Trama

Ci troviamo in un futuro prossimo, nel 2020. Un virus partito dal Belgio e dilagato in  Europa ha sterminato tutta la popolazione degli adulti. Gli unici immuni sono i bambini al disotto dei quattordici anni, prima dell’inizio dell’adolescenza.

In Sicilia il virus miete in breve tempo le sue vittime. La famiglia di Anna e Astor, i due protagonisti della storia, viene sterminata lasciando i due bambini soli. Anna, seppur piccola, ha un compito molto importante: prendersi cura del fratellino, che non è ancora in grado di provvedere da solo al suo sostentamento. In breve tempo la protagonista è costretta a crescere ad assumersi enormi responsabilità, cioè quella di cercare il cibo che possa garantire la loro sopravvivenza. Anna, in questo arduo compito, è aiutata da un libro che sua madre ha scritto prima che la malattia la portasse via. Nel “manuale” ci sono informazioni molto importanti: procurasi il cibo, curare la febbre e consigli utili su come comportarsi in determinate situazioni di pericolo.

Un giorno mentre Anna è a caccia di cibo, Astor viene rapito da un gruppo di bambini.

Da questo punto in poi la ragazzina è costretta a lasciare casa, il suo unico punto di riferimento, per andare in cerca di Astor.

Opinioni personali

Niccolò Ammaniti scrive, con un linguaggio semplice, questa storia distopica. Le prime pagine del libro non hanno catturato particolarmente la mia attenzione. Questo perché sono presenti lunghe descrizioni del luogo dove, i due protagonisti, vivono.

Successivamente la storia inizia ad appassionare: quando Anna conosce coccolone, un cane che all’inizio cerca di uccidere la ragazzina ma poi diventa parte integrante e protettore della famiglia. Il racconto prende vigore quando il piccolo Astor viene rapito.

Questo romanzo provoca nel lettore diverse emozioni. Quella che prevale però è un senso di angoscia: il tempo è scandito dalla Rossa, il virus letale. Tutto perde di significato, quello che conta è sopravvivere.

Durante la storia vediamo anche l’evolversi di Anna che da bambina diventa adolescente. Si innamora di Pietro un ragazzo che si unirà al gruppo e proprio lui farà nascere in Anna ed Astor una speranza di salvezza.

Questo racconto è molto introspettivo. Di Anna riusciamo a conoscere tutto: le sue paure, i sentimenti relativi al fratello, primo l’odio e poi l’affetto verso Coccolone e l’amore puro nei confronti di Pietro. Anche tutti gli altri personaggi principali sono ben caratterizzati.

Vi consiglio di leggere questo romanzo. Anche se i sentimenti che scaturisce sono spesso di angoscia mi sono immerso completamente nel racconto e nella testa di Anna. Mi sono affezionato al piccolo Astor e a Coccolone. Spero ci sia un proseguo di questa storia, anche perchè il finale lascia molteplici interpretazioni.

Niccolò Ammaniti / Anna – Amazon

WRITING 101

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...